La mostra

Che viaggio sull’Orient Express. Champagne, assassini e 007

Un treno nel mito, tra lusso e letteratura - Parigi-Costantinopoli. Dalla Christie a Bond, da Trotskij a Hemingway, i vagoni ospitarono vip ed eroi immaginari: attori, spie, principesse, marajà e malviventi

Di Maurizio Di Fazio
22 Marzo 2023

Agatha Christie ci ambientò il suo epocale romanzo. Josephine Baker vi sopravvisse a un attentato. Trotskij in fuga da Stalin, le corrispondenze di Ernest Hemingway, Marlene Dietrich intenta a sedurre Jean Gabin. Lo frequentarono pure Lawrence d’Arabia, Mata Hari e infinite barbe finte sovietiche. Spie e principesse, avventurieri e attrici, marajà e malviventi, scienziati e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ al mese per 12 mesi
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.