L'intervista

Ian Bremmer: “La crisi climatica ci costringerà a cambiare. In meglio”

Il fondatore di Eurasia Group - Il noto politologo statunitense evidenzia come l'emergenza ambientale abbia ispirato uno sforzo verso la cooperazione internazionale a livello di governi, settore privato, comunità scientifica e singole organizzazioni e attivisti

3 Agosto 2022

Pandemia, nuove tecnologie incontrollabili. Infine, soprattutto, la crisi climatica. Il mondo sembra sul punto di implodere eppure, per il noto politologo statunitense Ian Bremmer, fondatore di Eurasia Group e professore alla School of International and Public Affairs della Columbia University, non è della crisi che occorre aver paura. Anzi, la tesi del suo nuovo libro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione