Il reportage

Qui Belgorod, dove gli sfollati chiamano “nazisti” gli ucraini

Fuori dal Donbass - La rabbia. Mi mostrano le foto delle loro case distrutte, dei villaggi bombardati, oltre a macabre immagini di cadaveri sulla strada: “Questo succede da 8 anni”

17 Luglio 2022

“Govorì pravdu”. “Racconta la verità”. È ciò che mi chiedono i profughi del Donbass che ho incontrato a Belgorod. Non credo esista la verità assoluta, ancor meno in mezzo ad una guerra fratricida. Esistono singole verità. È vero che in Russia il dissenso viene soffocato ancor prima che possa irrobustirsi. È vero che c’è chi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione