Stupri e consensi

Invito a “osare”, l’avvocata Zaccaria: “Se ho la borsa aperta, sono correa di scippo?”

Il dopo Torino - Ex assessora alle Pari Opportunità e oggi presidente della Casa delle Donne di Bologna: “Il problema non è l’assoluzione ma le motivazioni indicate a sostegno. È la moralità che ammanta queste sentenze che si contesta, questa etica di fondo che si richiede alle donne”

11 Luglio 2022

Dopo i jeans “quasi impossibili da sfilare”, le mutande rosa come simbolo di promiscuità, il coltello alla gola come “scherzo”, una nuova sentenza ci avverte che lasciare la porta aperta del bagno potrebbe essere visto come “un invito a osare”. La motivazione dei giudici della Corte d’Appello di Torino, che ha ribaltato la condanna di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione