Riletture

Di fascismo si muore anche dopo il regime: il trauma indelebile della poetessa Rosselli

Un suicidio “politico” annunciato - Il saggio di Giuseppe Garrera e Sebastiano Triulzi: Amelia Rosselli. I lustrascarpe

Di Massimo Novelli
29 Maggio 2022

La vita lacerata di Amelia Rosselli (1930-1996), la sua malattia nervosa, è stata quella di una donna segnata da un’infanzia traumatica, culminata negli omicidi del padre Carlo e dello zio Nello? O invece le lacerazioni, i traumi, si sommarono alla consapevolezza di una donna e di una poetessa che aveva compreso la sostanziale contiguità dell’Italia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui