FRONTE CANNES

“Mariupolis 2”, l’atto d’amore (finale) di Kvedaravicius

Il regista lituano è morto nei combattimenti in Ucraina. Il suo materiale ritrovato è diventato un documentario

21 Maggio 2022

Albe, giornate, tramonti, notti. A ripetizione. Fuori l’inferno di bombardamenti h24, dentro la speranza di sopravvivere di giorno in giorno. L’esistenza dei cittadini di Mariupol è diventata una quotidianità di ordinaria follia. E a testimoniare la devastazione fisica, psicologica e “urbana” in corso nella città ucraina è stato il regista lituano Mantas Kvedaravicius, che lì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.