AFFARI IN CONFLITTO

Sanzioni di guerra, il “Made in Italy” non ci sente: solo metà abbandona Mosca

Studio di Yale - Molte imprese non seguono il bando

19 Maggio 2022

La ritirata dalla Russia prevista dalle sanzioni per l’attacco all’Ucraina? Non pare d’attualità l’emergenza per metà delle 35 maggiori aziende italiane attive nella Federazione guidata da Putin. Ad affermarlo è l’Università di Yale, che ha elaborato un database sulle strategie di permanenza in Russia di un migliaio di multinazionali, distinte a seconda della decisione di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione