L'icona

Viviane Maier, la fotografa che faceva la tata per rimanere libera

In mostra e in libreria - Da Utet un volume che sfata alcuni facili miti che sono stati costruiti intorno all'artista e restituisce altre verità: per esempio, il suo disturbo ossessivo-compulsivo, che la convinse a non sviluppare la maggior parte dei suoi scatti per il timore dei furti. A Torino un'esposizione “Inedita”

Di Angelo Molica Franco
9 Maggio 2022

Una donna, gli abiti dimessi e di foggia maschile, l’aspetto altero e teutonico, porta a spasso tenendoli per mano dei bambini. Al collo, una macchina fotografica, una Rollei o una Leica. Durante la passeggiata, delle volte si ferma e scatta foto al mondo intorno a lei. Altre volte, invece, si piazza di fronte alle vetrine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.