L’intervista

“Il pensiero unico è cosa seria e Riotta si è bevuto il cervello”

Massimo Cacciari - Il filosofo sbotta quando gli viene letto il passaggio dell’articolo di Repubblica che lo include tra i “Putinversteher” nostrani, i simpatizzanti dello zar (insieme, tra gli altri, a Barbara Spinelli). Tutto per una sua vecchia considerazione sull’annessione della Crimea

5 Marzo 2022

“Lo scriva così come glielo dico: Gianni Riotta è un coglione”. A Massimo Cacciari si può contestare molto, mai la noia. Risponde al telefono seccato, come d’abitudine, ma si accende subito quando gli viene chiesta una considerazione sul fatto che Repubblica l’abbia inserito nella listarella infame degli amici italiani di Putin. “Come sarebbe a dire? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione