In sala

“Una femmina” ribelle vuole riscattare l’Aspromonte

Bene il debutto di Costabile, si è ispirato a una inchiesta su donne e ’ndrangheta. Tolto il divieto ai minori di 14

19 Febbraio 2022

Raccontare “una femmina” per includerne tante, tutte. Sono le donne della ’ndrangheta, vittime e carnefici di un sistema cristallizzato sulla famiglia criminale che solo loro possono scardinare, se non addirittura interrompere. Argomento complesso e secretato, ha dovuto studiarlo in profondità Francesco Costabile, regista calabrese al suo debutto nel cinema di finzione, prima di realizzare Una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.