Milano

“Congo: l’Eni pagò, ma fu costretta”. A rischio l’indagine su Descalzi&C.

Le motivazioni della sentenza di patteggiamento

Di Gianni Barbacetto e Stefano Vergine
18 Gennaio 2022

Chiuso, con un’assoluzione in primo grado, il processo per la presunta corruzione internazionale in Nigeria, resta aperto per Eni il procedimento per le corruzioni in Congo. Già sanata la posizione della società: uscita dall’inchiesta nel marzo 2021 con un patteggiamento che ha comportato il pagamento di 11,8 milioni di euro e il cambiamento del reato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione