I tagli

Il bibliotecario non c’è o è precario: l’agonia di un servizio pubblico

Da Napoli a Roma, spariti migliaia di centri e quelli rimasti spesso usano volontari o personale sottopagato. Ora i fondi stanno arrivando, ma solo per i libri

Di Leonardo Bison
13 Dicembre 2021

Da un mese la Biblioteca Nazionale di Napoli ha ridotto gli orari di apertura. Apre dalle 10 alle 15, con ingresso soltanto su prenotazione. Il perché è presto detto: il personale, che contava 250 unità nel 2015, è sceso a 80, ed è destinato a calare ancora. “Avrei bisogno di almeno il doppio delle persone: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione