Zac!

Cinema: ciak, si censura

La riforma del ministero è solo un annuncio. Così la scure taglia ancora

26 Ottobre 2021

Su impulso del ministro Dario Franceschini l’8 gennaio 2016 “nasce la nuova legge Cinema”. Finalizzando la “modernizzazione del proprio impegno” a favore del settore, il governo contestualmente, e trionfalmente, annuncia: “Sparisce la ‘censura di Stato’”. Non più commissioni ministeriali a valutare i film, bensì “un nuovo sistema di classificazione che responsabilizza i produttori e i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.