In Sala

“Ariaferma”: la prigione non è solo quella del carcere

L’opera di Di Costanzo, con Servillo e Orlando, meritava di concorrere alla Mostra di Venezia: è un gioiello

16 Ottobre 2021

Bloccare l’aria dentro quattro pareti, frenare il respiro, sospendere il senso della vita. Il carcere può dare quest’effetto e addirittura peggiorarlo quando chi lo abita – detenuti e guardie – galleggia nell’attesa di sapere se, dove e quando avverrà un annunciato trasferimento. Quell’aria, allora, diviene tremendamente soffocante, inabitabile come l’edificio solitario e decadente nel cuore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.