Invece che dalla finzione cinematografica de La scuola cattolica, dove si narra quel che accadde a Rosaria Lopez e a Donatella Colasanti, le due ragazzine sequestrate in quell’inferno chiamato da allora “il massacro del Circeo”, Roma, anno 1975, gli astuti funzionari della censura devono essere rimasti sconvolti dalla vita vera, neofiti del millennio, e dunque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Squid Game: l’incubo reale dei sudcoreani che affogano nei debiti

prev
Articolo Successivo

La libertà, ultima maschera a destra

next