Il personaggio

“Francesco Vezzoli in Florence”: leoni e testoni celebrano l’estetica, non l’etica

2 Ottobre 2021

A Firenze, il contemporaneo torna a dialogare con il Rinascimento. In Piazza della Signoria, Francesco Vezzoli sceglie di installare su un basamento antico un monumentale leone rampante di cinque metri in posizione antropomorfa – di ispirazione disneyana tra Gardaland e il Vittoriale – che azzanna tra le fauci una testa romana del II sec. d. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.