Premesse banali: tutti i processi sono difficili perché riguardano per lo più vicende incerte prospettate dalle parti con versioni contrastanti; la valutazione del materiale raccolto è strutturalmente opinabile; gli esiti possono essere diversi nei vari gradi di giudizio, perché se questi fossero destinati semplicemente ad essere la fotocopia l’uno dell’altro non avrebbero nessuna ragione di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Le mie gaffe? Solo una strategia comunicativa: è meglio stupire”

prev
Articolo Successivo

Scholz e Laschet cancellieri a metà: mai guida così fiacca

next