“Meglio Bianchi”. Due parole che giocano sull’ambiguità del nome del candidato sindaco leghista a Varese, il deputato Matteo Bianchi, ma anche uno slogan che somiglia a una goliardata dal sapore razzista. Meglio bianchi, appunto, con la minuscola questa volta. Il motto compare sui manifesti elettorali dell’aspirante sindaco del Carroccio e a dare l’interpretazione più maliziosa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Beppe Mora

prev
Articolo Successivo

Quattro desideri, troppi genitali e il santo Mikula: catastrofe annunciata

next