Venezia 78

“È stata la mano di Dio” con lo zampino del diavolo

Non convince l’atteso film autobiografico di Sorrentino, che abbandona l’estetica per l’etica e i sentimenti. In concorso deludono anche la Campion e Schrader

3 Settembre 2021

Venezia Dopo il Papa, uno e due, e Berlusconi, non poteva che esserci Dio, ovvero io: È stata la mano di Dio è la prima opera autobiografica di Paolo Sorrentino, che torna alla Mostra di Venezia con un lungometraggio vent’anni dopo l’esordio, L’uomo in più. In Concorso, prende il titolo da un celebre goal di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.