Lettera da Ankara

Erdogan non molla Kabul: controllare l’aeroporto significa rimanere al tavolo di Cina e Russia

Le truppe turche hanno avuto il compito di proteggere e gestire lo scalo internazionale Hamid Karzai dal 2015. Ora da lì transiteranno gli aiuti umanitari internazionali per la popolazione afghana, armi e mercenari. L'ipotesi che il Sultano sta valutando è quella di richiamare i soldati e mandare i tecnici

27 Agosto 2021

Anche in Turchia questa settimana il dibattito interno si è concentrato sulla questione afghana. Sia il governo di ispirazione islamica sia l’opposizione laica sono consci che l’inevitabile ondata di profughi afghani attraverso l’Iran non potrà essere fermata dal muro in costruzione tra il confine turco e iraniano. I trafficanti di esseri umani sono abituati a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione