La posta racchiusa dalle urne di ottobre è alta, per tutti. Ma per alcuni dei leader vale di più, vale tutto, cioè la permanenza nel ruolo di capo, carica che di questi tempi è precaria quanto gli umori e soprattutto i voti dei cittadini. Un mistero per sondaggisti, politologi e alla fine anche per loro, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

E a Pontinia la nipote del duce tifa Fratelli d’Italia

prev
Articolo Successivo

Rischio cappotto: la destra è favorita soltanto a Trieste

next