La prima idea per Bologna è farne “la città più progressista d’Italia”, come recita lo slogan che darà il senso del suo programma. Ma Matteo Lepore, candidato sindaco dem con una coalizione che va dalla sinistra al M5S fino a Iv, vuole la stessa rotta anche per il Pd: “Dobbiamo essere un partito laburista e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quando c’era Lui: disfida tra “voi”, “fesso” e “cesso”

prev
Articolo Successivo

Festa dell’Unità. I dem invitano il “gerarca” Bignami (FdI)

next