Ero nel braccio della morte… Cosa? Un incubo, ovvio. Mi avevano comunicato che il mio giorno era arrivato. La sedia elettrica mi aspettava. E? Avevo diritto a un ultimo desiderio. Nella cella accanto era imprigionato il bassista Greg Cohen, compare di mille jam. Decisi che prima di morire avremmo suonato la struggente Cold cold heart […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

‘Il potere segreto’ , il libro che racconta Julian Assange e svela chi e come vuole distruggere lui e Wikileaks

prev
Articolo Successivo

Sì, sono un cane. Diogene. Un Socrate “uscito pazzo”

next