L’obiettivo è agire il prima possibile con la “federazione del centrodestra” per pesare di più nel governo e stringere un asse (anche elettorale) che fermi l’ascesa di Giorgia Meloni. E poi, quando si andrà a votare, correre con una lista unica, come se fosse un unico partito, che ha già un nome e un simbolo: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Siamo tutti talebani, l’importante è che paghino

prev
Articolo Successivo

La disfatta di Schifani: respinto da Meloni resta forzista (e solo)

next