Una volta bisognava “esportare la democrazia”. Da qualche anno, invece, la parola d’ordine è “Mediterraneo allargato”. Un concetto geografico che va ben oltre la tradizionale immagine della cartografia degli Stati bagnati dal Mare Nostrum. Un’area che va dal golfo di Guinea al Corno d’Africa e comprende Sahel e Libia. Un’area vasta, di “nostro prioritario interesse” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ecco “Full metal luttwak”: basta con i cacasotto!

prev
Articolo Successivo

“Addestrare i locali per i nostri interessi non serve a niente”

next