Se Marco Travaglio in un articolo del 6 agosto non avesse sollevato il caso di Renato Farina, in arte Betulla, arruolato, con 18 mila euro l’anno, come “consulente giuridico” nello staff del ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta, la cosa sarebbe rimasta del tutto inosservata. Del resto anche quando si venne a sapere che il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La goffaggine di Draghi: marmellata di foglie, plaid e crema antirughe

prev
Articolo Successivo

Basta col mito del calcio ricco più volley, basket e nuoto in tv

next