Doveva restare in carica un pugno di settimane, il tempo di preparare la successione al dimissionario Luigi Di Maio. Invece è rimasto reggente dal 22 gennaio 2020 a venerdì scorso, il giorno dell’investitura come presidente del M5S di Giuseppe Conte. Forse per questo ora Vito Crimi assicura: “Devo staccare, ho già detto a Conte che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Durigon, Giuseppe Conte al Fatto: “Si dimetta dal Governo, frasi su Mussolini aberranti”

prev
Articolo Successivo

Caso Durigon, il presidente Anpi: “Dedicare il parco Falcone e Borsellino ad Arnaldo Mussolini? Siamo alla farsa (macabra). Frasi che minano democrazia”

next