Lui, si sa, pensa sempre in grande: un tempo ambiva al premio Nobel, ma ha dovuto farne a meno ed è andata bene lo stesso. Le speranze di successo rimangono quelle di sempre: “Volevo vincere il Nobel, ma poi ha prevalso l’amore per la politica: comunque ho buone possibilità di diventare presidente della Repubblica” confessò […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le guerre stellari per lo Spazio: senza deleghe Tabacci, ora caccia ai 2 mld

prev
Articolo Successivo

Sottosegretario nostalgico. Lo “sborone” di Salvini

next