Indro Montanelli, il “bastian contrario” per eccellenza negli anni che partono dal dopoguerra e arrivano quasi ai nostri giorni, è ancora ben presente nel dibattito pubblico italiano. Su di lui si scrivono libri e tutti cercano di tirarlo dalla loro parte come se una figura come la sua fosse inquadrabile in questa o quella corrente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Ue “killed the Radio Star”: l’Fm sarà spento per far posto al digitale

prev
Articolo Successivo

C’è posta per Tei: “Meglio cowgirl, quad o polycule?”

next