Per due anni e rotti si è difeso con le unghie e con i denti dato il rischio di uscire con le ossa rotte dalla vicenda delle nomine al vertice della Procura di Roma decise a cena all’hotel Champagne insieme a Palamara&C. Ma adesso Cosimo Maria Ferri, magistrato eletto nelle file di Italia Viva, rischia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Liguria: “L’uomo di Toti guadagnerà più di Mattarella”

prev
Articolo Successivo

Modena, operaia uccisa da un macchinario. Lascia bimba di 4 anni. Indaga la Procura

next