Alui piace più fischiettare il repertorio di Vasco Rossi, ma c’è chi giura che abbia imparato ad apprezzare pure Puccini da quando si è piazzato all’ultimo piano di Largo de’ Chiavari, foresteria del Senato con terrazzo vista Sant’Andrea della Valle, chiesa resa immortale per l’amore tra Tosca e Cavaradossi: non si sa se Roberto Calderoli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il cappello leghista su “Sciascia 100”: l’Anpi si arrabbia

prev
Articolo Successivo

Eni, operazione “multa privata”

next