All’inizio era la priorità dei reati da perseguire. È il Parlamento, la politica, a dover decidere quali sono. E sono i magistrati a dover obbedire: a loro verranno indicati quali fascicoli trattare prima di altri. Questo in base a dei parametri indicati dalla politica. Lo prevede la riforma della ministra della giustizia Marta Cartabia. Un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Casellati “molla” i piccoli tribunali dell’Abruzzo: chiusi nel 2022

next