Negli anni Cinquanta del secolo scorso il Caffè Fappani era il cuore della risorta Passeggiata a mare di Viareggio; nell’azione al rallentatore dei tramonti versiliesi, non era raro veder formarsi un capannello dove un irresistibile personaggio ipnotizzava i clienti con il racconto della sua vita, anzi “delle sue molte vite”. Aveva un’aria da senza tetto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La vera lezione di Proietti, la cheesecake e la botanica”

prev
Articolo Successivo

“Temptation Island” mania. Ma è solo un copia e incolla

next