Hanno invocato la “tradizione”, consuetudine che affonda le sue radici fino al 1953, quando venne istituita per la prima volta la partecipazione delle donne alla Regata Storica di Venezia. Hanno difeso il dovere “democratico” di rispettare l’autonomia decisionale dell’Associazione dei Regatanti che da sempre assegna premi diversi per i due sessi. La realtà è che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

5G, rinviato l’assalto di Iv Ue: “Effetti cancerogeni ”

prev
Articolo Successivo

“Faccio Unza Unza Music”“Amo i Clash. E Sanremo”

next