Era dai tempi di Toto Cutugno che non si registrava tanto ardore nell’esaltare un italiano vero. Nel caso di Cutugno l’italiano vero era sempre Cutugno, mentre stavolta la celebrazione è per procura. L’italiano vero è Dante Alighieri; il suo abnegato aedo, complice il centenario, è Aldo Cazzullo. Dopo il volume best-seller A riveder le stelle, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tovaglia a scacchi e cestino pronto: c’è il “Giro d’Italia in 70 picnic”

prev
Articolo Successivo

Sanchez blocca i fondi al mausoleo franchista. La Spagna nella quinta ondata senza stato d’emergenza

next