Indagine su Cosa Nostra a Palermo

I “senatori” di Ciaculli contro i ladri: “Li facciamo trovare nel cofano della macchina”

Una delle regole imposte dalla mafia per controllare il territorio è “non rubare”. Due episodi indicativi si trovano negli atti dell’operazione “Stirpe” contro il clan dei Greco, che controlla il quartiere del capoluogo siciliano. Nelle intercettazioni, i boss stabiliscono pene molto pesanti per chi mette a segno furti senza la loro benedizione

22 Luglio 2021

Non rubare, è il settimo comandamento del cristianesimo. Ma è anche la regola imposta da Cosa nostra per controllare il territorio dove agisce, e farsi forte come anti-Stato. Leggendo gli atti dell’operazione “Stirpe” del comando provinciale dei carabinieri di Palermo guidati dal generale Arturo Guardino e della Dda di Palermo, coordinata dal procuratore aggiunto Salvatore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione