“È stato bello rivedere uno stadio aperto, segnale di una ripartenza su più fronti e di una luce in fondo al tunnel, poi però viene in mente che noi artisti facciamo concerti con una quantità di pubblico spesso inferiore a quella che gli spazi consentirebbero, pur nel rispetto delle norme di sicurezza. Non ho risposte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Eppure Simone lo diceva: che trappola, la femminilità

prev
Articolo Successivo

L’ufo arriva sempre d’estate. Pasquale, l’alieno da giardino che ama i bucatini e il vino rosso

next