L’avvocato Franco Coppi ha fatto un’inversione a “U” che ha del miracoloso, manco Paolo di Tarso sulla via di Damasco. E così, dopo averla demolita nei giorni scorsi, ieri alla Camera ha giurato che la riforma ammazza-processi targata Cartabia qualche difettuccio ce l’ha: ma “è una necessità dolorosa”, facendo la gioia della sua allieva diletta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Giustizia, il Pd prova a mediare col M5S ritardando la “riforma”

prev
Articolo Successivo

L’aiutino dei governatori per i referendum leghisti

next