Vladimir Putin avrebbe autorizzato personalmente “una operazione segreta di intelligence” a supporto della candidatura di Donald Trump, considerato mentalmente instabile, alle Presidenziali Usa del 2016. Un pupazzo di Mosca alla Casa Bianca. Lo rivela il Guardian, in una esclusiva firmata da tre dei suoi giornalisti più esperti: il caporedattore per la Sicurezza, Dan Sabbagh, quello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Due vite, un triangolo e la cabala di Trevi

prev
Articolo Successivo

Mosca: “Se vero, l’Ovest ne esce comunque male”. Il Cremlino tace

next