Alle prossime Olimpiadi di Tokyo, al posto dell’inno russo, risuonerà una sinfonia di Pyotr Tchaikovsky. Al posto del tricolore bianco, blu e rosso ci sarà una bandiera cerea con i cinque cerchi degli “Ana”, Atleti neutrali autorizzati, la denominazione trovata per gli sportivi della Federazione ammessi a gareggiare dopo lo scandalo del “doping di Stato”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Autonomia e Indipendenza: la riforma Cartabia mette a rischio anche i processi di mafia

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di domani. Nuova tegola per Renzi: indagato anche per le conferenze ad Abu Dhabi. La scuola dei migliori riparte già zoppa

next