Ancora su Rumsfeld e i casini che, come capo del Pentagono, combinò con la guerra in Iraq, basata su bugie che sfruttavano cinicamente il dolore del mondo dopo l’11 settembre, contro una nazione che non era una minaccia immediata per gli Usa, causando la morte inutile di 4520 soldati americani (più 180 inglesi e 33 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

La destra molla Milano e punta tutto su Roma

next