Coincidenze, solo quello. Per Adriana Faranda, storica brigatista, non c’è nessun collegamento nell’aver condiviso con i Nar un covo di proprietà dei servizi segreti. L’ex terrorista, condannata per il sequestro e l’omicidio di Aldo Moro, è stata sentita come testimone assistita dalla Corte d’Assise bolognese nel nuovo processo sulla strage del 2 agosto 1980. Un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Vaticano, le mani della “cricca” sui fondi Asl. Quella “nota” da 40 milioni per la coop Osa

prev
Articolo Successivo

Basentini: “Il funzionario mi disse: hanno esagerato”

next