“La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto”: i “giuristi” si sono affrettati a dire che si tratterebbe di un diritto “potenziale” e che l’articolo 4 della Costituzione sarebbe una norma “programmatica”, legittimando l’inerzia governativa e parlamentare. Ma il diritto al lavoro non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tifosi, fumogeni sulla prudenza

prev
Articolo Successivo

Mail box

next