Mettetevi nei panni di un elettore di destra milanese. Vi piacciano o non vi piacciano, per un trentennio i suoi riferimenti si chiamavano Berlusconi, Bossi, Formigoni. Che a loro volta, trattandosi di designare candidati forti per l’amministrazione cittadina, usavano indicare esponenti di primo piano del mondo imprenditoriale: Albertini (Federmeccanica), Moratti (cognome acquisito ma di richiamo), […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Rumsfeld, l’11 settembre, Bush e le tante bugie sull’Iraq e la democrazia

prev
Articolo Successivo

Risparmiateci questa retorica su Draghi, il covid e gli azzurri

next