Da ieri sera Haiti vive in stato d’assedio. Il presidente Jovenil Moïse è stato assassinato nella sua residenza del quartiere Piétonville, sulle alture di Port-au-Prince, intorno all’una del mattino. Nel pomeriggio, il primo ministro ad interim, Claude Joseph, ha presieduto un Consiglio dei ministri straordinario, dopodiché ha dichiarato lo stato d’assedio, rinforzando i poteri dell’esecutivo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Basentini: “Il funzionario mi disse: hanno esagerato”

prev
Articolo Successivo

Gli schiavi di Potosì a caccia di argento, tra veleni e “El Tio”

next