La riforma della giustizia penale, frutto di quella che la ministra della Giustizia Marta Cartabia ama definire la “sintesi politica”, dopo aver ascoltato questa maggioranza di separati in casa, in realtà, salvo colpi di scena di sera tarda, pende tutta dal lato centrodestra con annessi renziani e pezzi del Pd. Pensando alla proposta sulla prescrizione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Direttive politiche ai Pm: ossessione dai tempi di B.

prev
Articolo Successivo

La destra renziana e i 5 stelle di Bologna

next