I sette saggi discutono, Giuseppe Conte e Beppe Grillo se ne stanno zitti nelle rispettive trincee, e intanto il M5S deve restare fermo, paralizzato. Incapace di trovare dei nomi per il Cda Rai, ma soprattutto boccone facile del governo Draghi che accelera volentieri sulla giustizia, perché di certi doni è meglio approfittare. Meglio provarci ora, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

I “contiani” fanno saltare il blitz del Clan dei Vitalizi

prev
Articolo Successivo

Giorgetti l’Amerikano ora flirta con la Russia

next