A Ciak, si sputa! Dopo un anno di forzato digiuno, il Festival di Cannes torna a sfamare la propria grandeur, ma l’acquolina prescinde dalla visione: la esige il tampone salivare, condizione necessaria sulla Croisette perché il non vaccinato possa farsi spettatore. Sicché tra musical d’apertura (Annette) e ultimi capitoli di storie dei film (il dotto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Tragedie da ridere: Bernhard. Dagli artisti storpi ai nazisti

prev
Articolo Successivo

“I cantanti intonano le note come dal loro conto in banca: l’arte oggi è solo sfruttamento”

next