Prigioniere, ma in libertà, a Riyad. Nella “culla del neo-rinascimento”, – come ha definito la petromonarchia saudita a gennaio scorso il leader di Italia Viva, Matteo Renzi –, le due paladine per i diritti delle donne, Nassima al-Sadah e Samar Badawi, sono uscite dalle loro celle, ma solo per rimanere in prigione: per i prossimi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il sogno Svizzera, un paese che vince la Coppa America e non ha il mare

prev
Articolo Successivo

Le Pen non ritorna al Front, ma la sua destra si è stufata

next