Italia, Lituania, Ungheria. A un anno e mezzo dalla scadenza fissata nell’ultima direttiva europea sull’antiriciclaggio, quella che prevede l’istituzione in ogni Paese del registro societario dei beneficiari effettivi e l’interconnessione tra di loro in un’unica banca dati, l’Italia è una delle tre nazioni dell’Ue a non aver ancora fatto nulla di tutto questo. Il registro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Rider, è illegittimo il contratto con Ugl usato da Deliveroo

prev
Articolo Successivo

Impaurì la giuria del caso Bussi. Deciderà sulle penali del Ponte

next